fbpx
  • Date: Gennaio 7, 2019
  • Author: Giacomo Terracciano
  • Category: RoadTrip
  • Comments: 0

Sono giorni che cerchiamo di incastrare insieme i pezzi di un viaggio che ci rimarrà nel cuore, di un viaggio che ti lascia qualcosa dentro, di un viaggio in un deserto ricco di anime e voci gentili.
Oggi vorremmo raccontarvi in breve la nostra incredibile esperienza in Giordania, un luogo che sa mantenere pace e armonia in un territorio purtroppo logorato da conflitti e guerre. Un luogo che ci ha affascinato, per la grandiosità dei paesaggi e delle opere dell’uomo, ma ci ha toccato il cuore grazie all’incredibile calore che il popolo Giordano ci ha riservato.

Giordania Petra Viaggio Fotografico

Il Viaggio

Partiamo dal principio…
Erano anni che avevamo in mente la Giordania come meta per il nostro prossimo viaggio, finalmente dal 6 al 10 novembre 2018 siamo riusciti ad andarci. Inoltre la buona notizia dell’apertura della tratta Bologna-Amman da parte di Ryanair, ci ha facilitato il tutto, permettendoci di volare a prezzi veramente vantaggiosi.
Qualche consiglio tecnico prima di iniziare il racconto del nostro viaggio.
Non cambiate soldi in aeroporto, o perlomeno cambiatene il meno possibile in quanto il cambio è molto svantaggioso rispetto ad altri cambi valuta esterni all’aeroporto. La moneta Giordana, il Dinaro, è molto forte nei confronti dell’Euro e ogni spesa va pensata attentamente.
Per essere sempre connessi abbiamo acquistato una sim dati direttamente in aeroporto, ci sono due compagnie telefoniche, scegliete quella che preferite in base al prezzo. Noi abbiamo scelto Orange.
Altra cosa davvero importante, se soggiornate in Giordania più di 3 notti, avete la possibilità di acquistare il Jordan Pass. Il costo va dai 70 agli 80 Dinari, penserete che sia tanto, in realtà è molto vantaggioso in quanto all’interno è incluso il visto, che ha un costo di 40 dinari, e l’ingresso a Petra, che ha un costo minimo di 50 dinari. Quindi se avete intenzione di entrare per 2 giorni a Petra, con il Jordan Pass spenderete 75 dinari invece di 95. Inoltre avrete ingresso gratuito in tantissimi siti archeologici.

Il Deserto

Giordania Petra Viaggio Fotografico

Ritirata la macchina a noleggio, il miglior mezzo per muoversi in Giordania, siamo partiti alla volta del deserto del Wadi Rum, una delle zone più a sud del paese. La strada è piuttosto lunga, ma già ci accorgiamo della gentilezza delle persone nei confronti dei turisti. Tutti o praticamente tutte le persone parlano inglese, o almeno tutti quelli che in un modo o nell’altro possono avere a che fare con i turisti; benzinai, chioschi, mini market. Conoscendo l’inglese ci si muove con estrema facilità.
Dopo circa 4 ore di viaggio arriviamo nel villaggio del Wadi Rum, l’ultimo villaggio affacciato nel deserto. Qui abbiamo lasciato la macchina e lo staff del camp in cui abbiamo alloggiato ci ha accompagnato con una jeep al campo. Il deserto è disseminato di strutture in cui passare la notte. Se viaggerete con noi la notte nel deserto sarà una tappa obbligata, non si può perdere un’esperienza del genere.

Giordania Petra Viaggio Fotografico

I beduini ci accolgono, al nostro arrivo è buio, ci viene offerto subito dello Zarb, pollo e verdure cotte sotto la sabbia. Il primo impatto è stato subito interessante! Ha un sapore forte e deciso ovviamente, ma è davvero buono.
Un piccolo appunto sul cibo in Giordania, da Italiani siamo molto attenti a questo particolare. Dobbiamo dire che nel complesso siamo assolutamente soddisfatti. Ovviamente si deve partire con uno spirito di adattamento nei confronti del cibo, la varietà è molto limitata, ma siamo riusciti a mangiare praticamente sempre bene.

Giordania Petra Viaggio Fotografico

Dopo cena, grazie al buio quasi totale, abbiamo ammirato la vastità del cielo senza l’inquinamento luminoso delle città…Un’emozione davvero unica, da provare una volta nella vita.

Giordania Petra Viaggio Fotograficof

Dopo una notte stellata e silenziosa, ci siamo goduti l’alba, e siamo andati alla scoperta del deserto con i beduini del Camp. Il deserto Giordano è totalmente diverso dal deserto Marocchino, non ha dune, ha poca sabbia e tantissime formazioni rocciose. La peculiarità è proprio questa ricchezza di formazioni particolari, che determinano la bellezza di questo luogo.

Petra

Dopo 3 ore di jeep, con delle ottime sgommate sulla sabbia, ripartiamo verso nord, alla volta di Petra.
Ogni parola qui è superflua…il cuore ci batteva forte in petto, parcheggiamo l’auto e ci dirigiamo all’ingresso. Entriamo nel Siq, un canyon creato da forze tettoniche e levigato dall’acqua nel corso dei millenni. Ogni passo cresceva l’aspettativa e l’emozione, presto ci saremmo trovati davanti a una delle cartoline più conosciute e desiderate al mondo. Ogni angolo girato speravamo che fosse l’ultimo, infine eccolo, dopo una corsa di quasi 3km, El Khasneh, il Tesoro di Petra.

Giordania Petra Viaggio Fotografico

Siamo svegli dalle 5 di mattina, abbiamo camminato per chilometri, ci siamo riempiti le scarpe di sabbia, ma davanti a tutto questo siamo rimasti senza fiato, ci siamo semplicemente abbandonati alla singolarità di questo luogo.
Ci siamo presi il pomeriggio per studiare bene l’itinerario per il giorno dopo, avevamo poche ore e Petra è immensa.
3 giorni a settimana si svolge il Petra by Night, uno show notturno sotto  El Khasneh, per assaporarlo anche di notte. Il Siq viene illuminato da un percorso di candele, è assolutamente consigliato arrivare prima dell’orario di apertura, per godersi lo spettacolo con poche persone sedute.

Giordania Petra Viaggio Fotografico

Il giorno dopo sveglia ore 5,30 del mattino, colazione e subito pronti per rientrare a Petra. Se siete allenati o comunque molto volenterosi, è possibile vedere Petra in un giorno, ma vi consigliamo di fermarvi almeno due giorni per godervela con calma. Il lato più divertente della giornata è stato sicuramente il lato umano. Arrivati alla fine del Siq, i locali avranno il grande potere di farvi perdere la pazienza, sarete inondati da una serie infinita di offerte, chi un passaggio a cavallo, chi acqua, chi vi porterà a vedere il Tesoro dall’alto. Cercate, se non vi interessa, semplicemente di ignorare tali richieste, ovviamente è ul luogo dedicato solo ai turisti ed è l’unico luogo in Giordania in cui abbiamo respirato tanta insistenza.
Salendo però, nella strada che porta al Monastero al-Deir, abbiamo incontrato tantissime persone che vendevano oggetti di manifattura locale. Francesco ha portato il suo fedelissimo Ukulele, e ci siamo divertiti a cantare insieme a loro. Abbiamo scoperto che la musica italiana è molto apprezzata dai Giordani 🙂

Giordania Petra Viaggio Fotografico

Giordania Petra Viaggio Fotografico

Dopo quasi 10 ore di cammino ininterrotto, abbiamo deciso di fare un ultimo sforzo, percorrendo la strada che porta alla vista del tesoro dall’alto. Siamo saliti senza l’aiuto delle guide locali, perché abbiamo scoperto una via bellissima che è possibile fare anche da soli. Curiosi? Da qui si può godere della più bella vista dall’alto del Tesoro di Petra.

Giordania Un Viaggio nel Deserto della Ricchezza

Dopo 12 ore di cammino, quasi 30km percorsi, ripartiamo alla volta di Amman, la capitale.
Prima di arrivare abbiamo fatto un paio di soste, la prima sul Monte Nebo, il monte dove si crede sia sepolto Mosè, e subito dopo siamo scesi al Mar Morto, il mare più salato del mondo, dove è possibile quasi stare seduti in acqua.

Giordania Un Viaggio nel Deserto della Ricchezza

Amman

Ovviamente qui l’impatto è totalmente diverso rispetto ai nostri giorni precedenti. Amman è una città con 4 milioni di abitanti, abbastanza confusionaria, ma non eccessivamente. Siamo riusciti ad entrare senza problemi con la nostra auto, e anche qui si gira il centro con estrema tranquillità, spesso le persone locali ci hanno fermato per consigliarci dei luoghi da visitare.

Giordania Un Viaggio nel Deserto della Ricchezza

La cosa più interessante della città, è il contrasto tra la parte nuova, più occidentale con grattacieli e negozi di alta moda, e la parte vecchia, più ricca di tradizioni. Abbiamo visitato il Teatro Romano e la Cittadella, dal quale si può ammirare tutta la città dall’alto.

Si torna a casa…
Torniamo in Italia estremamente soddisfatti, la Giordania è una meta particolarmente adatta per un viaggio fotografico, soprattutto per noi Italiani. Le persone sono estremamente disponibili, e basta la giusta dose di rispetto ed educazione, ed è possibile fotografare scene di vita quotidiana senza problemi. Ad Amman siamo entrati in un negozio di musica, nel locale del barbiere più antico della città, abbiamo pranzato in ristoranti tipici e ovunque ci siamo mossi in estrema tranquillità.

Cosa aspetti? Chiedici ulteriori informazioni sui nostri viaggi fotografici in Giordania!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *